Avv. Silvio Marzari
Avv. Maria Gabriella Maggiora
Avv. Roberto Nicolini
Avv. Stefania Gioco
Avv. Stefania Brugnoli
Avv. Stefano Carrara
Avv. Alessio Albertini

If you help me, I'll leave you my apartment.

If you help me, I'll leave you my apartment. An ageing population also brings with Read More

Se mi aiuti, ti lascio la casa

Un progressivo invecchiamento della popolazione, porta con sé anche questioni giuridiche di questo tipo. E Read More

Long live the sparkling wine, in the shining glasses,

Long live the sparkling wine, in the shining glasses, so sings Turiddu in Cavalleria Rusticana, Read More

“Viva il vino spumeggiante nel bicchiere scintillante”

“Viva il vino spumeggiante nel bicchiere scintillante”, cosi canta Turiddu in Cavalleria Rusticana, cosi è Read More

Have you installed surveillance cameras where you live?!

Have you installed surveillance cameras where you live?! Desire for security, theft prevention, affordable technology. Read More

Avete installato le telecamere di sorveglianza dove abitate?

Avete installato le telecamere di sorveglianza dove abitate?! Desiderio di sicurezza, prevenzione dei furti, tecnologie Read More

RISCALDAMENTO, IN INVERNO: POSSO STACCARMI (E PAGARE DI MENO?!

E’ un tema che riguarda sia i privati che le aziende, infatti recentemente una delle Read More

TITOLARI EFFETTIVI!

TITOLARI EFFETTIVI! In un paese come l’Italia, di piccole e medie imprese, questa è una Read More

BENEFICIAL OWNER - How it works in Italy

In a country like Italy of small and medium-sized companies, this is a deadline of Read More

The employment relationship - always something new!

The employment relationship - always something new! The relationship between entrepreneur and employee is always shaped Read More

IL RAPPORTO DI LAVORO DIPENDENTE, SEMPRE NOVITA’!

Il rapporto tra imprenditore e lavoratore dipendente è sempre contraddistinto da numerosi aspetti e qui Read More

UGLY WHO?

Not only ugly, but many other insults, attacks, expressions of hatred are unfortunately frequent on Read More

BRUTT* CHI?

Non solo brutt*, ma tanti altri insulti, attacchi, espressioni di odio sono purtroppo frequenti sui Read More

PARLIAMO DI ... LAVORO

Questa volta parliamo di lavoro, e in particolare di lavoro subordinato per alcuni aggiornamenti interessanti. Read More

LET'S TALK ABOUT... WORK

This time let’s talk about work, and in particular employment, for some interesting updates. As Read More

MORE FOR CONSUMERS: GPRS

As European consumers, it will be useful for us to learn this new acronym: GPSR, Read More

HOLIDAY TIME, REMEMBER YOUR RIGHTS

As a lawyer, I deal with various aspects of civil and commercial law, which you Read More

TEMPO DI VACANZE, RICORDA I TUOI DIRITTI!

Come avvocato mi occupo di vari aspetti del diritto civile e commerciale, dei quali potete Read More

NUOVE REGOLE PER I PROCESSI: A COSA STARE ATTENTI?

Sono altre le notizie da prima pagina e questa può essere sfuggita a molti. Si Read More

NEW RULES FOR PROCEEDINGS: WHAT TO WATCH OUT FOR?

There are other headline news and this one may have been missed by many. However, Read More
  • 1
  • 2
  • 3

 

Specialmente se si tratta di diritto internazionale ed europea, mi occupo anche di diritto di famiglia, in team con gli avvocati del mio studio legale.

 

E’ noto che da qualche anno in Italia non è indispensabile rivolgersi al Tribunale per divorziare, dato che è possibile farlo con accordi di mediazione assistita, nella quale intervengono gli avvocati oppure direttamente davanti all’ufficio dello stato civile. All’interno dell’Unione Europea sono ormai frequenti i matrimoni tra coniugi di diversa nazionalità e c’è interesse quindi che essi vengano regolati in modo omogeneo in tutta l’Unione. 

 

E’ successo che due persone di nazionalità italiana e tedesca si sono sposati in Germania e dopo qualche anno hanno deciso di divorziare in Italia, proprio con la modalità semplificata del divorzio extra giudiziale davanti all’ufficiale dello stato civile italiano. Successivamente però gli uffici municipali tedeschi si sono rifiutati di trascrivere il divorzio in Germania, perché secondo loro doveva essere confermato da un Tribunale tedesco.

 

Lo scorso 15 novembre 2022 è intervenuta la Corte di giustizia dell’Unione europea, la quale ha affermato che un atto di divorzio redatto da un ufficiale dello stato civile dello Stato membro d’origine, contenente un accordo di divorzio concluso dai coniugi e confermato da questi ultimi dinanzi a detto ufficiale, in conformità alle condizioni previste dalla normativa di tale Stato membro, rappresenta una «decisione» valida anche per lo stato tedesco. Ciò perché “l’ufficiale dello stato civile italiano è competente a pronunciare il divorzio in modo giuridicamente vincolante, registrando per iscritto l'accordo di divorzio redatto dai coniugi dopo aver effettuato un esame.”

Per consultare l’intero documento puoi cliccare qui: https://www.cortedicassazione.it/cassazione-resources/resources/cms/documents/Cgue_646_20-2022.pdf

 

Si stratta di un importante decisione, che anche in materia di divorzio, consentirà una più facile attuazione della volontà delle persone che vogliono separarsi nonché l’applicazione di regole uguali in tutta l’Unione Europea.

 

Last update February 2023

 

 

Especially when it comes to international and European law, I also deal with family law, in team with the lawyers in my law firm.

 

It is well known that for some years now in Italy it is not imperative to go to court to get divorced, as it is possible to do so by means of assisted mediation agreements, in which lawyers intervene, or directly before the civil register office. Marriages between spouses of different nationalities are now frequent within the European Union and there is therefore an interest in them being regulated uniformly throughout the Union. 

 

It happened that two people of Italian and German nationality married in Germany and after a few years decided to divorce in Italy, precisely by the simplified mode of extra-judicial divorce before the civil register office. Subsequently, however, the German municipal offices refused to record the divorce in Germany because, according to them, it had to be confirmed by a German court.

 

On 15 November 2022, the Court of Justice of the European Union intervened, stating that a divorce decree drawn up by a civil register office of the Member State of origin, containing a divorce agreement concluded by the spouses and confirmed by them before that registrar, in accordance with the conditions laid down by the law of that Member State, is a 'decision' that is also valid for the German state. This is because "the Italian civil register office is competent to pronounce the divorce in a legally binding manner by recording in writing the divorce agreement drawn up by the spouses after carrying out an examination."

For the whole document, please click here: https://www.cortedicassazione.it/cassazione-resources/resources/cms/documents/Cgue_646_20-2022.pdf

An important decision, which, also in divorce matters, will make it easier to implement the will of persons wishing to divorce as well as to apply the same rules throughout the European Union

 

 Last update February 2023

Nei nostri cellulari rimangano registrati i messaggi sms, i messaggi vocali e scritti whatsapp e quelli di diversi altri social network.  Gli stessi cellulari – come i personal computer o altri apparecchi - possono essere utilizzati senza fatica per effettuare registrazioni di telefonate, videochiamate o incontri.

Nel mio lavoro mi viene fatta frequentemente la domanda se farlo è lecito e se possa valere come mezzo di prova.

La risposta non è purtroppo univoca, sia perché la normativa non è stata aggiornata tenendo conto di questi nuovi strumenti, sia perché i Tribunali danno decisioni diverse a seconda dei casi. È davvero difficile orientarsi.

In un processo civile in corso sono riuscito a utilizzare come mezzo di prova i messaggi whatsapp scambiati dal mio cliente con la parte opposta, perché l’avvocato avversario non li ha contestati tempestivamente.

La Cassazione Penale  comunque in una recente sentenza, confermando precedenti sentenze ha stabilito che “…i messaggi “whatsApp” e gli sms conservati nella memoria di un telefono cellulare hanno natura di documenti ai sensi dell’art. 234 c.p.p., ed è legittima la loro acquisizione mediante mera riproduzione fotografica...”

Nonostante ciò molti giudici, applicando altre norme, dicono che lo stesso giudice può liberamente valutarli.

Per non parlare poi degli aspetti di privacy. Perché registrare una conversazione – specialmente relativa a un rapporto di lavoro o commerciale - può anche essere ritenuta prova valida dal giudice in un processo, ma potrebbe sempre costituire una violazione del GDPR ed esporre quindi chi fa la registrazione a sanzioni pecuniarie rilevanti. Su questo punto il Garante Privacy sarebbe incline a consentirle, ma spesso in giudici la pensano diversamente.

In conclusione chiunque, intenzionalmente o con applicazioni di messaggistica acquisisca messaggi audio o fotografici, in qualsivoglia formato, deve chiedere al proprio avvocato un parere sul singolo caso, per averne poi il miglior utilizzo.

 

Aggiornamento gennaio 2023

 

Sito web e privacy: il tuo sito è legale?

 

In Italia come anche nel resto della unione europea è in vigore sin dal 2019 il GDPR, ovvero il regolamento europea sulla tutela dei dati personali.

 

I dati personali di ognuno di noi devono essere trattati da chi li raccoglie in modo legale, rimanendo a ognuno di noi tutta una serie di diritti sui nostri dati.

Anche tutti coloro che dispongono di un sito web, ovvero moltissime aziende e operatori economici, sia pubblici che privati,  devono rispettare il GDPR.

Quasi tutti quelli che hanno un sito web hanno usato per molto tempo Google Analytics, cioè un servizio di google che raccoglie tutti i dati sull’uso di internet per elaborare algoritmi e dare altre informazioni utili alle aziende, ma anche per tenersele! Ecco perché se cerchi su internet “brioche”, ti compaiono poco dopo le pubblicità delle pasticcerie vicino a che.

Dato che Google Analytics 3, come anche altri servizi simili, trasmette i dati raccolti al di fuori dell’Unione Europea e in tal modo, si sottrae al rispetto del GDPR, perché non vengono garantiti livelli adeguati di sicurezza della privacy.

E’ intervenuta la Corte di Giustizia Europea ma soprattutto il Garante Privacy italiano con la decisione del 9 giugno 2022 numero 224. Come anche in altri paesi europei, è stato dato un termine massimo di 90 giorni ai titolari di siti web per cessare l’utilizzo di Google Analytics 3 o di altri software che trasmettano i dati raccolti su dei server collocati al di fuori della Unione Europea (nello specifico negli USA) e trovare delle soluzioni tecniche alternative.

 

Il Garante Privacy ha preannunciato doverosi controlli; chi ancora utilizzasse questo software rischia sanzioni molto pesanti. Non tutti prestano la necessaria attenzione a queste notizie, ma è davvero importante adeguarsi. 

Invito tutte le aziende e i titolari di un sito web a verificare la loro situazione, anche in particolare le informative sui cookies , che spesso riferiscono che il titolare del trattamento utilizza Google Analytics3 o servizi simili.

 

last update nov 2022

Website and privacy: is your website legally compliant?

 

In Italy as well as in the rest of the European Union, GDPR, the European Data Protection Regulation, has been in force since 2019.

 

Everyone's personal data must be processed by those who collect it in a legal manner, and everyone has a number of rights over his or her data.

Everyone with a website, i.e. many companies and businesses, both public and private, must also comply with the GDPR.

Almost everyone who has a website has been using Google Analytics for a long time, i.e. a Google service that collects all the data on internet use to process algorithms and give other useful information to companies, but also to keep it! That's why if you search on the internet for 'brioche', advertisements for bakeries near that appear shortly afterwards.

Since Google Analytics 3, as well as other similar services, transmits the collected data outside the European Union, it eludes GDPR compliance, because adequate levels of privacy security are not guaranteed.

The European Court of Justice has intervened, but above all the Italian Garante Privacy with its decision of 9 June 2022 number 224. As in other European countries, a maximum term of 90 days was given to website owners to discontinue the use of Google Analytics 3 or other software which transmits data collected on servers located outside the European Union (specifically in the USA) and find alternative technical solutions.

 

The Privacy Guarantee Authority has announced that it will carry out checks; anyone still using this software risks heavy penalties. Not everyone pays the necessary attention to this news, but it is really important to adapt. 

Therefore, I urge all companies and website owners to check their situation, including in particular the information on cookies, which often states that the data holder uses Google Analytics3 or similar services.

 

Last update Nov 2022

 

The best-known application of 'blockchain' technology, which many are now beginning to understand, is notoriously 'bitcoin'. Even with other virtual currencies, it has fluctuating values, but continues to be popular as a payment and financial instrument. Worldwide and also in Italy, case law is constantly dealing with it; the Italian Court of Cassation has recently ruled that anyone who buys bitcoins with financial means of illicit origin commits the crime of self-money laundering. This confirms once again that bitcoin can be considered a financial and speculative instrument and that as such, it can be considered a technically suitable instrument for the commission of the aforementioned crime. All the more so because it allows transactions to be largely anonymous and therefore it is very carefully monitored. For this reason, those who purchase bitcoins must always take care to keep documentation to prove the legitimacy of the funds used. And what about 'NFTs' or non-fungible tokens? They are another practical use of the blockchain technology itself. First and foremost, they are used to make the 'originals' of digital works of art recognisable and marketable, with interestingly different uses, depending on whether they are linked to a tangible work of art or not. But also, in the field of fashion, for example, they are progressively being used in a manner accessible to any consumer, to ascertain the uniqueness and/or belonging to a limited series and/or in any case the authenticity of a specific material product. These and many others are the possible uses, that are gradually becoming more widespread, so it is important for everyone to understand at least the elementary rudiments of this technological tool. update October 2022

Page 4 of 6

Contattaci

Facebook

ITALEGAL Società Cooperativa C.F.e P.IVA 04259900233 REA VR-405835
Diritto civile e commerciale; diritto amministrativo; diritto internazionale privato e processuale; rapporti con l’estero
Corso Porta Nuova, 11 - 37122 VERONA - ITALIA - Telefax +39-045-8009958 - info@italegal.eu
Powered by Lugoboni.it 2013 

(c) Italegal 2014 Avvocati Verona - Partite Iva